Centrosinistra a Valenzano: perché ridare fiducia?

Panoramica 3

Dal 2010 al 2012 il centrosinistra ha amministrato Valenzano. Il Partito Democratico è stato fiero protagonista della rinascita valenzanese: l’immagine del paese veniva dalle ombre dei fatti di cronaca nera culminati nel 2009 con l’operazione Domino.

La caduta del Consiglio comunale ha interrotto in maniera brusca il processo di rinnovamento in atto. Quale processo di rinnovamento? Cosa ha fatto il centrosinistra in questi 33 mesi a Valenzano?

  • Ridisegnare lo sviluppo urbanistico di Valenzano: verso il Piano Regolatore. La redazione di un nuovo Piano Urbanistico Generale è stata una delle priorità dell’amministrazione di centrosinistra. L’assenza di un Piano di Fabbricazione al passo con i tempi ha causato la crescita edilizia disordinata e poco rispettosa dell’ambiente degli ultimi 40 anni.
  • Il piano di rigenerazione urbana realizzato dall’amministrazione mette a disposizione delle cooperative edilizie terreni per realizzare nuove case a prezzi contenuti. Operazione con obiettivi anche ambientali, poiché recupera un’area abbandonata del paese: l’ex opificio per la lavorazione del legno in via Bari.
  • Il piano di rigenerazione territoriale, frutto di un lavoro di Rete con i Comuni di Capurso e Cellamare, restituirà a Valenzano l’antico monastero di Santa Maria di Loreto e l’ex opificio vitivinicolo Martucci.
  • Una nuova viabilità avvicina le periferie al centro del paese. La circonvallazione è stata ridisegnata con rotatorie, piste ciclabili e percorsi pedonali. L’Istituto Agronomico, la Facoltà di Veterinaria e i cittadini delle aree periferiche sono meno distanti dal cuore di Valenzano, non solo fisicamente.
  • Realizzazione della fogna bianca per lo smaltimento delle acque piovane e ottimizzazione delle rete idrica fognaria.
  • Realizzazione del Centro Culturale Cittadino, dove le associazioni locali potranno trovare spazio per le loro attività.
  • Restauro interno della Chiesa di Ognissanti, gioiello architettonico di Valenzano.
  • Supporto istituzionale alla realizzazione del Biopolo dell’Università di Bari nel territorio di Valenzano, con la realizzazione delle facoltà di Agraria e Biotecnologie.
  • Trasparenza. Realizzazione del sito internet www.comune.valenzano.ba.it per informare i cittadini sulle attività della pubblica amministrazione.

Tutto questo non basta? In 33 mesi l’amministrazione s’è impegnata a garantire il maggior impegno possibile per cambiare Valenzano.

Il Partito Democratico, il sindaco Luigi Lampignano ed il consigliere comunale Claudio Di Turi hanno operato in assoluta trasparenza: sottolineiamo l’esperienza dei blog personali dei due rappresentanti del PD come novità assoluta nella storia della politica valenzanese. Un modo per restare in contatto col cittadino, senza nascondere compensi, attività e decisioni prese nel Palazzo di Città.

Si poteva fare di più? In condizioni migliori, senza dubbio. L’unica pecca del centrosinistra a Valenzano è stata la scelta degli alleati: le troppe differenze all’interno della maggioranza ne hanno frenato l’azione.

Dialogare con il paese è la condizione necessaria per proseguire sulla strada del cambiamento. Questo sito web, gli incontri piazza e le iniziative sul territorio metteranno l’ascolto dei cittadini al centro della politica del Partito Democratico a Valenzano. Ci aspettiamo confronti, spunti, idee e commenti.

One Response to Centrosinistra a Valenzano: perché ridare fiducia?

  1. Lorè Francesco scrive:

    mi piace

Rispondi