Luigi Lampignano: auguri Pasquale, auguri Valenzano

IMG_5045

Sarebbe un’ipocrisia non ammettere il dispiacere per aver lasciato a metà il lavoro. Sarebbe altrettanto ipocrita non essere qui. Per me, la politica non è un fatto personale: è un servizio.

A differenza dei miei ex alleati, non sono un mestierante della politica. La politica è fatta di mediazioni per il bene della collettività, ma a Valenzano questo interesse non c’è: la mia non è una denuncia, è una testimonianza.

Ho dimezzato i costi della politica, a cominciare da me: il Comune spendeva per me 800 euro. Non ho mai rubato, ho continuato a fare il mio lavoro, e non sono venuto in piazza a dire “ho fatto, ho fatto”: l’ho fatto!

La mia porta è stata sempre aperta: la politica è ascolto, accompagnamento a chi ha bisogno.

Due anni di martirio: è macelleria. Non c’è nulla da spendere, altro che bilanci partecipati. Il candidato sindaco che oggi lo chiede, in passato lo ha deriso, ma quali soldi far partecipare? Vuol dire alle associazioni culturali che ci sono appena diecimila euro?

Il paese si lamentava perché Lampignano ha fatto cambiare la rete fognaria vecchia di 100 anni, per un paese che da 4.000 è passato a 20.000 abitanti. Non ho tolto un centesimo dalle tasche dei cittadini per realizzare tante opere pubbliche, di cui il paese godrà. Lampignano non ha vantato nulla: non ha detto “è mio è mio è mio”. Non son stato un minuto fermo: sempre in piazza, tra la gente.

Abbiamo pagato vecchi debiti. Se non c’erano quei debiti saremmo stati un comune virtuoso e avremmo avuto altri benefici economici. Auguri Valenzano, auguri Pasquale, auguri a questi ragazzi perché li ho voluti. Tre anni fa non li avete premiati, premiateli adesso. Mandate a casa tutti gli altri. Auguri Valenzano. Auguri Partito Democratico.

One Response to Luigi Lampignano: auguri Pasquale, auguri Valenzano

  1. catalano f. scrive:

    Cosa c’è da aggiungere ad un discorso così, che parte dallo stomaco, dall’animo di chi l’ha pronunciato.
    Personalmente sono stato orgoglioso di essere lì presente ad ascoltare Lampignano .
    La sua determinatezza ha profuso, negli astanti convenuti, coraggio e speranza per il percorso politico intrapreso.

Rispondi