Pasqualino Borgese: i giovani stanno con me

IMG_18691

Giovani ed associazioni: quali impegni? Far incontrare candidati sindaci e famiglie e confrontare le idee sulle politiche giovanili: questo l’obiettivo dell’incontro organizzato dalla sezione scout CNGEI di Valenzano. Il dibattito ha visto protagonisti 5 dei 6 candidati sindaci in competizione per le prossime elezioni amministrative del 26 e 27 maggio: unico assente, sostituito da un delegato della coalizione, il candidato sindaco Antonio Lomoro.

Il candidato sindaco del PD Pasqualino Borgese ha esposto al pubblico le linee del programma del Partito Democratico su giovani ed associazioni. Aspetti innovativi rispetto al contesto di riferimento: innescare logiche di Rete fra le associazioni locali e garantire, nei fatti, il ricambio generazionale all’interno della macchina amministrativa sono i punti chiave del programma del Partito Democratico per le giovani generazioni di Valenzano.

In sintesi, gli interventi del candidato Sindaco Pasqualino Borgese:

Scambio generazionale. “Troppo facile parlare di Giovani, come espediente per rinfrescare un agire politico vecchio e stantio. Inserire nel programma la parola Giovani in ogni frase è solo funzionale al consenso facile. Il Partito Democratico crede nella forza dei giovani: l’età media della lista è 36 anni. Credere nei giovani, però, non significa lasciarsi andare a forme di nuovismo a tutti i costi: la lista è stata composta per testimoniare un cammino, dove figure esperte e forze fresche figurano allo stesso livello. Giovani e meno giovani non camminano in fila, con i primi che inseguono i secondi: sono affiancati, con lo stesso passo, verso lo stesso obiettivo.”

Rete associazioni. “Associazioni sportive, culturali, di promozione sociale; ONLUS, volontari, associazioni parrocchiali, scout: il tessuto associativo del paese è ricco di realtà troppo spesso estranee fra loro. L’Amministrazione deve promuovere progetti per incentivare la collaborazione fra le singole realtà, ognuna con la propria specializzazione.”

No ad clientelismo delle associazioni. Il lavoro delle associazioni è trasversale: non esistono associazioni “amiche” di un gruppo politico piuttosto che ad un altro. Questo perché le associazioni lavorano e garantiscono servizi e presenza sul territorio a prescindere dal colore politico dell’Amministrazione.

Spazi e città policentrica. “Le associazioni locali lamentano carenze negli spazi di socializzazione. Esistono, sparsi sul territorio di Valenzano, vari luoghi dove fare cultura, sport, animazione, assistenza: la mia idea è specializzare ciascuna area per settore – es. il quartiere San Lorenzo per lo sport, il borgo per la cultura – e collegarle fra loro attraverso sistemi di mobilità sostenibile: piste ciclabili, aree pedonali.”

Lotta alla criminalità. “Il Sindaco può fare molto più di quanto comunemente si creda per la lotta alla criminalità: assumere una posizione chiara è un forte segnale di condanna e serve a tenere unito tutto il paese. Ritengo opportuno che nei processi che vedono lesi l’operato dell’Amministrazione e la vita della comunità, il Comune debba costituirsi parte civile.”

I giovani stanno con noi. Perché i giovani devono votare me come Sindaco e la lista del Partito Democratico? Perché noi abbiamo la lista più giovane in competizione. I giovani non devono scegliermi: stanno già con me.

Rispondi