L’impegno per la legalità: la carta di Pisa firmata da Pasqualino Borgese e dal Partito Democratico

970397_410541122386638_1078727163_n

Pasqualino Borgese (Candidato Sindaco Comune di Valenzano). La legalità è uno dei nostri Sei passi per il rinnovamento. Stamattina stiamo dando concretezza a questo passo. La sottoscrizione della Carta di Pisa, il codice etico per le Amministrazioni locali promosso da Avviso Pubblico significa, per noi, questo: non aspettiamo di essere eletti per mettere in pratica il nostro programma. Questa firma, messa pubblicamente, è già il primo impegno di quello che sarà il nostro governo.

Pietro Petruzzelli (Consigliere comunale Comune di Bari). Sono qua per testimoniare la volontà di mettere in pratica i principi contenuti nella Carta di Pisa, primo fra tutti il valore della trasparenza. Al Comune di Bari abbiamo attivato l’Anagrafe degli Eletti, uno strumento con cui il cittadino, tramite internet, può verificare i dati sulle presenze, lo svolgimento dei lavori, i risultati, gli stipendi dei politici eletti e di tutte le persone che ricoprono un ruolo pubblico.

La politica può attivarsi per dare corpo e sostanza al valore della legalità. Questo braccialetto bianco che porto è simbolo della campagna “Riparte il futuro”. Una campagna lanciata da Libera per chiedere al Parlamento italiano il rafforzamento delle norme anti-corruzione.

Pierpaolo Treglia (Segretario Regionale Giovani Democratici). Quello che stiamo facendo stamattina, tutti insieme, è testimonianza del fatto che è possibile mettere in pratica un’idea di politica differente. Il Pd a Valenzano è differente non solo perché ha scelto di correre da solo. La differenza sta anche nel fatto che la campagna elettorale viene giocata attraverso impegni concreti presi di fronte ai cittadini sulla pubblica piazza, e non tramite accordi presi in segrete stanze. Queste sono le buone prassi che servono a ridare ai cittadini fiducia nella politica.

Rispondi