10 motivi per votare Borgese e PD alle elezioni comunali di Valenzano

DSC_0120

1. Riscrivere la storia politica di Valenzano.

La parola d’ordine della campagna elettorale di Pasqualino Borgese e del Partito Democratica è rinnovare. Proponiamo un rinnovamento completo: nei volti, nei metodi, nei fatti. Abbiamo scritto e proposto il nostro manifesto per dare un segnale chiaro: basta con la politica delle famiglie, dei pacchetti di voto, delle liste costruite con la calcolatrice.

Vogliamo dire basta ad Amministrazioni che si spacciano per nuove, anche se composte dalle solite persone. Vogliamo dire basta a chi cambia casacca partitica ad ogni tornata elettorale o si nasconde dietro innocue liste civiche, pur di sopravvivere all’interno delle istituzioni comunali.

Rinnovare, nei fatti. La lista del Partito Democratico è composta da 16 volti nuovi della politica valenzanese. Fieri rappresentanti della società civile, attivi nelle associazioni locali, presenti sul territorio, da sempre.

2. Lavoro, possibilità concrete.

Il Comune di Valenzano non va confuso con un ufficio di collocamento. Solo un’Amministrazione attenta e capace può favorire le condizioni necessarie per dare una spinta al mondo del lavoro locale. Il rapporto con l’Università di Bari è strategico e può dare nuova linfa al sofferente contesto lavorativo di Valenzano.

Realizzare il polo universitario significa creare posti di lavoro e far crescere la comunità. Significa portare nuovi incassi ai commercianti locali, e dare opportunità di sviluppo a nuove o già esistenti realtà imprenditoriali.

3. Programma serio e coscienzioso.

Pasqualino Borgese e il Partito Democratico di Valenzano non vogliono far fare al paese passi più lunghi della propria gamba. Bastano sei passi per il rinnovamento. Nessuna falsa illusione, nessuna opera faraonica destinata ad essere fumo negli occhi e produrre debiti ventennali. Vogliamo dare al paese ciò che serve, per rendere ogni cittadino fiero di essere valenzanese.

La particolare fase storica in cui viviamo necessita di 3 risposte:

  1. come creare lavoro e ricchezza?
  2. come garantire chi è in difficoltà?
  3. come aumentare la qualità della vita di Valenzano?

Le risposte, nel programma del Partito Democratico, sono semplici e chiare: ascoltare, collaborare e ricucire.

Delle possibilità di lavoro date dalla realizzazione del Polo Universitario abbiamo già parlato nel precedente punto.

L’ascolto è condizione essenziale per trovare soluzione ai problemi della gente. L’ascolto predispone alla conoscenza ed al rapporto. L’ascolto è il sale di ogni comunità. Per questo, il Partito Democratico vuole potenziare i centri d’ascolto presenti sul territorio.

Le varie aree di Valenzano devono tornare ad essere una cosa sola. Vogliamo che Valenzano diventi una città policentrica: aree per lo sport, aree per la cultura, aree per lo studio, aree artigianali.

4. I giovani sono protagonisti.

L’età media della lista del Partito Democratico è 36 anni. I ragazzi che compongono la lista non li avete conosciuti in quest’ultimo mese: sono protagonisti della società civile di Valenzano. Li avete visti parlare di legalità, far vivere il centro storico del Paese, animare le strade di Valenzano durante particolari ricorrenze.

La componente più giovane del Partito Democratico non deve portare acqua ad alcun candidato di spicco all’interno della lista. Sono la lista. Rappresentano le idee che camminano: hanno immaginato una Valenzano migliore ed hanno scritto il programma elettorale del Partito Democratico per queste elezioni.

Pasqualino Borgese è il giusto garante di questa lista. Esperto, onesto, protagonista del Partito Democratico di Valenzano sin dalla sua fondazione, nel 2006. Una persona per bene, competente e capace. Soprattutto, una persona sincera.

5. Volti nuovi e competenti.

Chi dice che gente nuova è sinonimo di inesperienza sbaglia. Esperienze e curriculum parlano per i candidati del Partito Democratico. La lista non è stata riempita con nomi e carte d’identità pur di eleggere i soliti noti. Prevale, nel nostro caso, il concetto di competenza.

Parlare di ambiente, di territorio, di comunità, necessita di persone capaci, del settore. L’epoca della politica improvvisata è finita. La scacchiera della giunta va assemblata con i pezzi giusti nelle caselle giuste.

6. Coerenti: le mascherate non ci piacciono.

Crediamo nel significato delle parole legalità e trasparenza. Non ci crediamo solo durante la campagna elettorale. Dopo le elezioni non ce ne dimenticheremo. Legalità e trasparenza appartengono al DNA della Lista del Partito Democratico.

Gli altri, possono dire la stessa cosa? Le altre coalizioni possono affermare di aver lottato per far vincere la legalità e promuovere la trasparenza anche lontano dal giudizio degli elettori?

Legalità e trasparenza non sono per il Partito Democratico una poesia da imparare a memoria: sono una storia da raccontare ed interpretare ogni giorno.

7. Scuola politica: l’Altra Faccia è ancora qui.

La politica non si improvvisa: si vive. Nel 2010 si presenta nella coalizione di Luigi Lampignano la lista civica l’Altra Faccia, composta da 19 under 30 protagonisti della vita sociale e culturale di Valenzano.

Oggi, molti dei componenti dell’Altra Faccia alimentano il fuoco del Partito Democratico. Le stesse energie, le stesse idee con 3 anni di esperienza in più.

8. La legalità è un impegno.

La storia recente di Valenzano ha visto pagine buie: l’operazione Domino è stato un terremoto per la comunità.

Valenzano deve costituirsi parte civile nei processi che vedono coinvolta la comunità. Un forte segnale va dato ai cittadini che devono tornare a fidarsi dell’Amministrazione e della buona politica.

Per questo, il candidato Sindaco Pasqualino Borgese e tutti i componenti del Partito Democratico hanno firmato pubblicamente la carta di Pisa, il documento promosso da Avviso Pubblico per gli Enti locali.

9. Da soli, per essere forti.

Questa campagna elettorale vede ai nastri di partenza 3 grosse coalizioni, con 5-7 partiti per candidato Sindaco. Quale coerenza possono portare avanti persone che neppure si conoscono fra loro?

La storia politica recente di Valenzano ha visto le solite persone girare di partito in partito, eleggere i sindaci e poi farli cadere. Si presentano come nuovi, sempre.

Il Partito Democratico di Valenzano sostiene Pasqualino Borgese da solo. Non sono i numeri a rendere forti ed unita la lista. Sono le idee.

Eleggere i consiglieri del Partito Democratico e Pasqualino Borgese sindaco significa garantire a Valenzano un’Amministrazione solida, unita e vincente.

10. Le idee camminano.

Nessuna gara di poltrone. La politica fatta dai mestieranti non ci interessa. Sono le idee a camminare. Abbiamo rinnovato profondamente la lista, senza accantonare i protagonisti della precedente Amministrazione. Luigi Lampignano e Claudio Di Turi sono protagonisti del rinnovamento promosso dal Partito Democratico.

Le idee camminano. Far crescere Valenzano è l’unica e sola ambizione del Partito Democratico e di Pasqualino Borgese.

Fa’ crescere la comunità. Fa’ crescere Valenzano. Vota il Candidato Sindaco Pasqualino Borgese e la lista del Partito Democratico di Valenzano

Rispondi