Amministrazione Lomoro: una Realtà valenzanese di centrodestra

7307_126060907600528_778450437_n

La maggioranza appena eletta del consiglio comunale di Valenzano tenta di negare o mascherare la propria collocazione politica e ideologica: l’amministrazione Lomoro è una chiara espressione di centrodestra. .

Permane l’abitudine di considerare le liste come contenitori vuoti da riempire e in cui si possono spostare i propri “pacchetti” di voti. Questa non è politica: è “mestiere”. Per fare chiarezza, è giusto ricordare alcuni passaggi della storia politica di Valenzano.

Il neo-eletto sindaco, Antonio Lomoro, è stato eletto per la prima volta a Valenzano nel 1995 nella lista di Forza Italia. Successivamente, viene eletto al consiglio provinciale nel “Movimento per le autonomie”, lista di centrodestra. Ancora oggi, fa parte della maggioranza di centrodestra che guida la Provincia di Bari.

Da Forza Italia e/o dal Pdl provengono anche molti dei consiglieri comunali più suffragati della coalizione di Antonio Lomoro: Donato Amoruso, Vitantonio De Vitofrancesco, Francesco De Vivo, Agostino Partipilo.

Donato Amoruso, in particolare, è stato in passato coordinatore di Forza Italia e vicesindaco della giunta Tangorra – amministrazione di centrodestra: qualche mese fa lo stesso Donato Amoruso è stato addirittura candidato alle politiche nella Lega Nord – al secondo posto nella lista per la Camera in Puglia. Sempre nelle liste della Lega Nord – al Senato – è stato candidato Vitantonio De Vitofrancesco.

Questi personaggi hanno avuto l’abilità di riposizionarsi e di occupare varie e diverse caselle: rimane il fatto che chi si presenta come classe dirigente di un paese ha il dovere della chiarezza e della trasparenza. Ha soprattutto il dovere di dire ai cittadini con quale indirizzo politico guiderà la comunità.

Ecco perché troviamo maldestro il tentativo di negare la collocazione ideologica della coalizione Lomoro – spacciata, con un’acrobazia verbale, come un “laboratorio” di liste civiche.

Come pure troviamo fragili e poco credibili le argomentazioni per cui “Realtà pugliese”- la lista più suffragata di quella coalizione – sarebbe un soggetto di centrosinistra. Altrove lo potrà anche essere, ma a Valenzano “Realtà pugliese” è occupata e presidiata da persone che hanno una storia innegabile di centrodestra.

Rispondi