Bilancio di previsione 2013 del Comune di Valenzano: meno risorse per servizi sociali e cultura

bilancio

Nessun aumento dei tributi nel Bilancio di previsione 2013 del Comune di Valenzano – oggetto di discussione nel prossimo Consiglio Comunale del 29 novembre – ma meno risorse per servizi sociali e cultura. Quale idea di futuro ha l’Amministrazione Lomoro per Valenzano?
È il primo Bilancio in cui non si aumentano i tributi – sbandiera sui social network il sindaco Lomoro – per non gravare ulteriormente sulle tasche dei cittadini. Per riuscire nell’intento, Lomoro dichiara che l’Amministrazione quest’anno ha tagliato “alcune spese”.

Ma quali sono queste spese?

Partiamo delle politiche sociali, rivolte alla popolazione più svantaggata e a rischio. In questo capitolo di spesa, per esempio, sono compresi i servizi per l’infanzia e per i minori, l’assistenza e i servizi alla persona. La cifra messa a bilancio passa dai 1.052.500 euro – dal Bilancio di previsione dell’anno scorso – a 892.500 euro previsti per quest’anno: circa il 15% in meno.

Evidentemente l’Amministrazione sottovaluta la situazione locale, oppure non ha volontà e capacità politiche per investire in un settore delicato per Valenzano, dove non mancano le situazioni di grave indigenza.

Per le politiche culturali, invece, il Bilancio di previsione passa dai 70.000 euro dell’anno scorso ai 66.000 di quest’anno.

Un amministratore dovrebbe essere lungimirante nel destinare somme al settore cultura, terreno di crescita per la cittadinanza e il territorio e antidoto naturale per prevenire forme di emarginazione sociale.

Una oculata gestione dei fondi a disposizione di un Comune è l’obbligo morale di ogni amministrazione, è vero, ma il Bilancio di un Comune non è soltanto un terreno di risparmio: è il campo di scelte politiche che dovrebbero guardare al futuro di una comunità. Non si è buoni amministratori solo per “non aver alzato le tasse”.

Rispondi