Valenzano. L’ennesimo scandalo giudiziario travolge le istituzioni

ritaglio Gazzetta 27 febbraio 2017

L’ennesimo scandalo giudiziario travolge le istituzioni valenzanesi e intacca la sensibilità e la dignità di un’intera comunità. Apprendiamo dagli organi di stampa che il Sindaco Antonio Lomoro e il Vicesindaco Lucia Partipilo sarebbero stati denunciati in seguito a una vicenda dai contorni scabrosi. La denuncia sarebbe l’atto conclusivo di una serie di presunte attenzioni attuate con insistenza dal Sindaco ai danni di una cittadina, alla quale sarebbero stati chiesti favori di natura sessuale come contropartita della promessa di un lavoro.
Non possiamo né vogliamo anticipare sentenze o formulare valutazioni giuridiche su questa storia che, se venisse comprovata, spiccherebbe nel suo squallore. Tanto più che, laddove venissero confermate le accuse nei confronti del Vicesindaco Partipilo, ci troveremmo di fronte alla condotta di una donna con ruoli istituzionali che avrebbe operato una sopraffazione nei confronti di un’altra donna, già vittima di una situazione di per sé deprecabile.
Auspichiamo che la Magistratura possa fare chiarezza il prima possibile per accertare i fatti e le responsabilità.
Certo è che Valenzano si trova per l’ennesima volta sotto i riflettori per episodi di cronaca che spandono una luce torbida sul paese e sulle sue istituzioni. Quella che viene messa in evidenza è l’immagine di un borgo chiuso, miope e gretto, corroso dai veleni dell’egoismo e dell’indifferenza. Ma al di là di questa patina fosca c’è una comunità operosa e solidale. C’è un tessuto civico ricco e dialogante che può e deve ribellarsi all’intorpidimento morale per contribuire a un risveglio collettivo delle coscienze.

Rispondi