Programma 2013

6 passi per il rinnovamento: linee guida del programma elettorale del PD di Valenzano

word-cloud-pd-valenzano

PDF Scarica il programma completo in PDF

Continuare sulla strada del rinnovamento. La precedente amministrazione di centro-sinistra ha avviato un lungo ma necessario processo di rinnovamento amministrativo, sociale e culturale della vita di Valenzano.

Metodi e idee sono il cuore della crescita. La qualità della vita è messa in crisi dall’attuale situazione economica, sociale e culturale italiana: compito dell’amministrazione locale è tutelare il cittadino e creare i giusti presupposti per crescere.

Scambio generazionale. Il ruolo delle giovani generazioni è fondamentale: protagonisti del presente, posseggono le chiavi di lettura per interpretare il contesto attuale e costruire il futuro.

Futuro che non può prescindere dall’apporto della componente più matura della popolazione: se i giovani cavalcano l’onda dello sviluppo e dell’innovazione, l’esperienza dei più grandi canalizza le energie nuove in percorsi autorevoli e concreti.

Cosa fare per il bilancio? Programma del PD Valenzano – Elezioni amministrative 2013

bilancio

Risanare i conti, garantire i servizi essenziali e la spesa sociale: sono questi i risultati raggiunti dalla precedente Amministrazione, nonostante il momento di grande crisi economica e finanziaria.

È stato fatto il possibile per scongiurare l’aumento della pressione fiscale, ma i tagli e le minori entrate determinate dalle scelte del Governo nazionale, sommati a un’eredità contabile difficile, non l’hanno consentito.

Come procedere, quindi, in tema di bilancio?

Cosa fare per l’ambiente? Programma del PD Valenzano – Elezioni amministrative 2013

ambiente

Il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti urbani è uno dei principali problemi che la precedente Amministrazione ha affrontato. Servizi onerosi e sotto molti aspetti inefficienti, che stavano per essere regolati da un nuovo contratto incentrato sulla raccolta differenziata del tipo porta a porta, con sistema incentivante.

L’istituzione delle ARO ha però determinato nuove procedure. Si è comunque prodotto un progetto per avere accesso a fondi regionali per incrementare la raccolta differenziata.

Cosa fare, quindi, per l’ambiente?

Cosa fare per la cultura? Programma del PD Valenzano – Elezioni amministrative 2013

cultura

Le realtà associative e culturali di Valenzano vivono per compartimenti stagni: sino ad oggi poco è stato fatto per promuovere la creazione di una vera rete fra  le associazioni, tale da amplificare la loro azione sul territorio.

Trasparenza e Informazione. La precedente Amministrazione ha messo in piedi il sito istituzionale www.comune.valenzano.ba.it: il portale è il primo passo per avvicinare la macchina amministrativa ai cittadini. La prossima Amministrazione dovrà potenziare le possibilità dello strumento.

Cosa fare, quindi, in questo ambito?

Cosa fare per le infrastrutture? Programma del PD Valenzano – Elezioni amministrative 2013

infrastrutture

Ampliare e migliorare le strutture comunali: la precedente Amministrazione ha posto grande attenzione alla risoluzione di situazioni critiche connesse alle infrastrutture.

La realizzazione di molte opere è rimasta bloccata dai vincoli imposti dal patto di stabilità interno.

Cosa fare, quindi, per le infrastrutture?

Cosa fare per la comunità? Programma del PD Valenzano – Elezioni amministrative 2013

servizi-sociali

La situazione di crisi economica ha messo a dura prova la capacità di intervento degli enti locali. La precedente Amministrazione si è comunque sforzata di confermare la spesa sociale nel campo del servizio civico, dell’assistenza e del sostegno alle famiglie bisognose.

In queste condizioni di oggettiva crisi, una delle leve che un Ente Pubblico può sfruttare è rappresentata dalle sinergie messe in campo dal Piano Sociale d’Ambito.

Cosa fare, dunque, per la comunità?

Cosa fare per il territorio? Programma del PD Valenzano – Elezioni amministrative 2013

territorio

Dal punto di vista urbanistico Valenzano  si è sviluppata a “macchia di leopardo“, con nette cesure tra centro e periferie. Una separazione che ha interessato i due grandi poli dedicati allo studio e alla conoscenza, posti agli estremi della sua espansione: l’Istituto Agronomico Mediterraneo e la Facoltà di Veterinaria dell’Università degli Studi di Bari.

Rispetto alla programmazione dello sviluppo territoriale, tuttora è vigente un Piano di Fabbricazione datato di oltre 40 anni, inadeguato rispetto ai nuovi dettami normativi e agli obblighi di tutela ambientale.

Cosa fare, quindi, per il territorio?