fbpx
Zone Economiche Speciali: un’opportunità di sviluppo per Valenzano

Zone Economiche Speciali: un’opportunità di sviluppo per Valenzano

Le Zone Economiche Speciali sono un’opportunità di sviluppo per le comunità e per i territori, e possono rappresentare, per Valenzano, uno strumento utile per favorire crescita economica, competitività e innovazione dei sistemi Continua »

Valenzano. Il PD denuncia il degrado delle campagne valenzanesi

Valenzano. Il PD denuncia il degrado delle campagne valenzanesi

Il Partito Democratico di Valenzano ha scritto una lettera alle componenti della Commissione Prefettizia che regge il Comune, per denunciare lo stato di degrado delle campagne che circondano l’abitato. Ecco il testo Continua »

Valenzano Pulita

Valenzano Pulita

Vogliamo una Valenzano PULITA. VIVIBILE. Dove la spazzatura in paese e in campagna non è più un problema. Dove le persone rispettano le regole della civile convivenza. Dove l’azienda che gestisce la Continua »

Al via la campagna tesseramento 2019 al PD di Valenzano

Al via la campagna tesseramento 2019 al PD di Valenzano

È aperta la campagna di tesseramento al circolo del Partito Democratico di Valenzano per il 2019. Continua »

Valenzano. Gli aumenti della Tari e le carenze nel servizio di igiene pubblica

Valenzano. Gli aumenti della Tari e le carenze nel servizio di igiene pubblica

In questi giorni i valenzanesi stanno ricevendo le cartelle della Tari caratterizzate da aumenti salatissimi. Pagheremo tutte le criticità e i limiti dell’appalto definito dall’ Amministrazione Lomoro, rispetto al quale ci siamo Continua »

 

Fiera di Ognissanti e diritti degli animali: invitiamo i cittadini a vigilare su eventuali abusi

Domani le strade di Valenzano saranno animate dallo storico appuntamento della Fiera di Ognissanti.
In questa occasione, è consuetudine che tra le varie bancarelle ci siano anche quelle destinate alla vendita di animali. Purtroppo, capita che questa particolare attività commerciale, in alcuni casi, si traduca in occasione di abusi o maltrattamenti nei confronti degli esemplari venduti.

Capita a Valenzano. Una riflessione su xenofobia, intolleranza, accoglienza

Capita a Valenzano che ciclicamente vengano riproposti annunci pretestuosi e immotivati su imminenti invasioni di immigrati.
Capita che queste voci distorte vengano riprese e rilanciate dal chiacchiericcio che agita le piazze reali e virtuali.

Valenzano. Chiesto il rinvio a giudizio per il Sindaco Lomoro

Apprendiamo dagli organi di stampa la notizia della richiesta di rinvio a giudizio a carico del Sindaco di Valenzano Antonio Lomoro e del Consigliere di maggioranza Agostino Partipilo. I due amministratori, stando alle risultanze delle indagini, avrebbero richiesto all’allora vicesindaco Francesca Ferri (poi sfiduciata) un’elargizione economica, in cambio dell’avallo alla candidatura della stessa Ferri per le elezioni regionali.

Per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia

A Valenzano sono presenti numerose proprietà immobiliari confiscate alla mafia e alle organizzazioni criminali. È necessario un confronto sul loro possibile riutilizzo sociale, in modo tale da valorizzare questo elemento come fattore di pianificazione e di sviluppo.

Aggressione al Sindaco di Valenzano. Un gravissimo campanello d’allarme

L’aggressione subita dal Sindaco di Valenzano (al quale, al di là di ogni divergenza politica, va la nostra solidarietà) è un gravissimo campanello d’allarme, che richiama l’attenzione su un territorio che aveva già lasciato trasparire segnali inquietanti.
A quanto si apprende dagli organi di stampa, il responsabile del ferimento sarebbe una persona con precedenti penali alle spalle. Per di più, l’atto di violenza sarebbe scaturito da un motivo ben preciso: la richiesta di assegnazione di un alloggio. E non un alloggio qualsiasi, ma uno degli immobili confiscati alla mafia.

Il voto, le infiltrazioni criminali e la vigilanza della politica

L’inchiesta della magistratura sui condizionamenti che sembrerebbero aver pesato sulle Elezioni Regionali del 2015 delinea scenari inquietanti. Ci sarebbe stato un accordo tra il clan dei Di Cosola e un “collettore” di voti (che secondo gli organi di stampa sarebbe stato Armando Giove, oggi indagato e all’epoca coordinatore provinciale di Realtà Italia), per sponsorizzare la candidatura di Natale Mariella, presentatosi nella lista dei “Popolari”, all’interno della coalizione di centrosinistra.

Legalità. Al Sindaco Lomoro chiediamo chiarezza

La legalità non può essere terreno di scontro politico né può essere piegata a pretesto per strumentalizzazioni. Lo abbiamo sempre detto e lo ripetiamo con la forza e con la convinzione che ci derivano dagli esiti dell’incontro tenuto lo scorso lunedì 19 settembre.

Valenzano, lunedì 19 settembre. Noi non taceremo. Cultura della legalità e lotta alle mafie

La Federazione Provinciale di Bari e il Circolo di Valenzano del Partito Democratico e dei Giovani Democratici organizzano l’incontro pubblico:

Noi non taceremo.
Cultura della legalità e lotta alle mafie.

Lunedì 19 Settembre ore 18.00
Castello Baronale Martucci
Piazza Padreterno Valenzano (BA)

Valenzano. Il caso mongolfiera e la difesa della dignità di una comunità

In questi giorni, a Valenzano, dopo l’episodio del lancio della mongolfiera con l’intitolazione “famiglia Buscemi” nel corso della Festa Patronale, ci è toccato di sentirne di tutti i colori.
Ci è toccato di ascoltare veementi accuse, scagliate dal Sindaco Lomoro e dagli esponenti della sua maggioranza, nei confronti dell’onorevole Dario Ginefra (che ha sollevato il caso con un’interrogazione parlamentare) e del Sindaco della Città Metropolitana Antonio Decaro (intervenuto con voce ferma e decisa sulla questione), “colpevoli” di voler gettare discredito sulla comunità.

Comunicato del Pd di Terra di Bari sui fatti di Valenzano

In occasione della festa di San Rocco a Valenzano, la famiglia Buscemi ha fatto mettere un messaggio con dedica sulla mongolfiera che viene lanciata, tradizionalmente, in occasione della conclusione dei festeggiamenti del 16.
Sull’ipotesi che si tratti o meno di sponsorizzazione da parte del clan omonimo sta indagando chi di competenza, nel frattempo l’arcidiocesi di Bari Bitonto prende le distanze da quella che nel comunicato ufficiale definisce una “deprecabile vicenda”.