fbpx
Valenzano. Gli aumenti della Tari e le carenze nel servizio di igiene pubblica

Valenzano. Gli aumenti della Tari e le carenze nel servizio di igiene pubblica

In questi giorni i valenzanesi stanno ricevendo le cartelle della Tari caratterizzate da aumenti salatissimi. Pagheremo tutte le criticità e i limiti dell’appalto definito dall’ Amministrazione Lomoro, rispetto al quale ci siamo Continua »

Valenzano. Il valore della Festa Patronale

Valenzano. Il valore della Festa Patronale

Apprendiamo che le celebrazioni civili legate ai festeggiamenti per il Santo Patrono di Valenzano sono a rischio. Continua »

Elezioni europee 2019: il valore del voto al PD

Elezioni europee 2019: il valore del voto al PD

In occasione delle elezioni europee del prossimo 26 maggio i cittadini saranno chiamati a compiere una scelta che sarà, mai come in questo caso, chiara e al tempo stesso determinante. Continua »

Rappresentanti di lista per le Europee 2019: il Pd di Valenzano cerca volontari

Rappresentanti di lista per le Europee 2019: il Pd di Valenzano cerca volontari

Il Partito Democratico di Valenzano cerca volontari disponibili a fare i rappresentanti di lista per le elezioni europee del 26 maggio 2019. Continua »

Valenzano. Il Consiglio di Stato conferma la sospensione dell’efficacia della sentenza del TAR

Valenzano. Il Consiglio di Stato conferma la sospensione dell’efficacia della sentenza del TAR

Il Consiglio di Stato ha confermato il precedente decreto emesso in via provvisoria e d’urgenza dal presidente di sezione. L’efficacia della sentenza pronunciata dal TAR lo scorso 8 marzo è sospesa. Continua »

 

Emanuela Carone

27 anni – Responsabile Organizzazione ARCIBari, Segretaria Giovani Democratici Valenzano

Perché ho deciso di candidarmi?

Mi candido per continuare l’impegno profuso in questi anni nel cercare di migliorare la politica di questo paese. C’è l’esigenza di far innamorare la società civile della politica: l’unico modo possibile è cambiare le modalità di azione.

Il nostro progetto segna la volontà di dire basta alle logiche distorte che vedono nella politica una faccenda di pochi e dà spazio a trasparenza e legalità. Il progetto del Partito Democratico di Valenzano punta alla partecipazione del cittadino e lo pone al centro del dibattito politico. Il mio impegno come segretaria dei Giovani Democratici mi ha permesso di confrontarmi con molti ragazzi che, come me, credono che il cambiamento nasca dall’impegno e dalla partecipazione.

< Torna alla lista dei candidati

Federico Falco

35 anni – Geometra, Project Manager, Segretario Partito Democratico Valenzano

Perché ho deciso di candidarmi?

Ho deciso di candidarmi perché per cambiare bisogna impegnarsi in prima persona. Credo nella buona politica e nell’impegno civico: mettersi al servizio degli altri è il vero modo di essere felice.

Credo nel PD di Valenzano e nel progetto di rinnovamento della politica iniziato già da tempo. Oggi, quest’idea è portata avanti con forza dai giovani del Partito Democratico. Un progetto che non si esaurisce con la tornata elettorale ma che da questa trae nuovo giovamento, per un percorso di crescita del centro-sinistra del nostro paese.

< Torna alla lista dei candidati

Saverio Francesco Tritto

21 anni – Designer d’interni

Perché ho deciso di candidarmi?

La mia disponibilità alla candidatura nasce dalla voglia di aiutare a dar vita ad un cammino. La voglia di guardare la gente sorridere, riunita insieme, senza nessun tipo di distinzione. Il PD di Valenzano è il partito giusto!

Negli ultimi anni mi sono speso per organizzare eventi e mostre, per portare in piazza cultura e divertimento. Quest’impegno è la vera spinta della mia candidatura.

< Torna alla lista dei candidati

Marina Zenzola

31 anni – Dottoranda in scienze chimiche e molecolari

Perché ho scelto di candidarmi?

La mia candidatura nasce dal desiderio di intraprendere un nuovo cammino: è il momento giusto per portare a Valenzano un reale cambiamento. Dopo aver conosciuto il gruppo, la mia scelta si è ulteriormente rafforzata. Un gruppo che non scende a compromessi: l’unico progetto politico serio di questa competizione elettorale.

< Torna alla lista dei candidati

Perché Claudio Di Turi non si candida?

Come mai questa volta non sono candidato? La politica non è fatta di “bandierine” da piantare. Soprattutto, non è occasione di auto-promozione. I nomi delle persone possono cambiare, ma le idee, soprattutto se buone, devono andare avanti. Le idee camminano.

La scelta di non candidarmi è stata compiuta per dare forza al segnale che il PD vuole lanciare. Non ci appartiene la pratica del comporre liste pianificate a tavolino con la calcolatrice, per aggregare portatori di pacchetti di voti. Abbiamo voluto, nella costruzione della lista, dare spazio alle idee e alle donne e agli uomini che incarnano e animano quelle idee.

Come si vota alle elezioni comunali di Valenzano?

Il nuovo sistema elettorale per i consigli comunali prevede la doppia preferenza di genere: è possibile esprimere due preferenze – anziché una – per i candidati al consiglio comunale. Le doppia preferenza va espressa per due candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza.

Dopo aver votato il partito, è possibile votare per uno o due candidati alla carica di consigliere comunale: se i candidati consiglieri votati sono due, devono essere indicati un uomo e una donna candidati nella stessa lista.

Per il resto, il sistema di elezione diretta del sindaco e del consiglio comunale rimane inalterato. Il voto al partito va automaticamente al candidato sindaco collegato.

Il voto al candidato consigliere – o ai candidati – va espresso scrivendo, accanto al simbolo, il cognome del candidato prescelto.

Le idee fra la gente

La politica e la gente. Il mercato è uno dei luoghi più autentici in cui poter dar vita ad un sano confronto politico. Negli ultimi tempi è diventato complesso parlare di politica, cercare il confronto e prendere posizioni: tanti anni di campagne elettorali malsane hanno dato alla politica e alle idee l’immagine di qualcosa da vendere. La gente soffre questa logica: risponde alla richiesta di contatto come se provenisse da un venditore un po’ invadente.

Presentazione pubblica di Pasqualino Borgese e del Partito Democratico

Domenica 5 maggio alle ore 20.45 in Largo Plebiscito si terrà la presentazione pubblica della candidatura a Sindaco di Valenzano di Pasqualino Borgese e della lista del Partito Democratico.

Domande. Perché il Partito Democratico si presenta solo a queste elezioni amministrative? Quali valori della precedente Amministrazione portare avanti? Perché la lista è testimone di un progetto politico? Come la figura di Pasqualino Borgese è sintesi di questo progetto?

Le idee camminano. La presentazione alla cittadinanza dei candidati è il primo passo della campagna elettorale “sul campo”. Una campagna che il Partito Democratico si giocherà a viso aperto, sulla base del programma, dei volti e dei metodi: una forte spinta verso il rinnovamento.

 

Sorteggiati gli scrutatori per le elezioni comunali di Valenzano del 26-27 maggio

Giovedì 2 maggio la Commissione Elettorale del Comune di Valenzano ha designato gli scrutatori per le prossime elezioni amministrative: come auspicato dal Partito Democratico, è passato il criterio del sorteggio.

Tutti d’accordo. Tutta la commissione si è espressa a favore dell’adozione di questo metodo. A differenza della precedente riunione della commissione, riunita per la designazione degli scrutatori per le elezioni politiche, non c’è stata nessuna divergenza d’opinione.

Sono stati sorteggiati, per tanto, 88 scrutatori titolari e 41 supplenti.

Nomina degli scrutatori: il PD di Valenzano si schiera per il sorteggio

Giovedì 2 maggio alle 16.00 si riunisce presso il Comune di Valenzano la commissione elettorale per la nomina degli scrutatori per le prossime elezioni amministrative. Il PD chiederà che i nomi degli scrutatori vengano sorteggiati e non nominati dai singoli componenti della commissione per garantire trasparenza ed equità nella scelta.

In base alla legge vigente, la nomina degli scrutatori dei seggi avviene su nomina diretta fatta da parte delle commissioni elettorali: un criterio individuato dal legislatore per permettere, in teoria, un equilibrio di rappresentanza. Nella pratica, il nuovo sistema porta al rafforzamento delle “clientele”.