fbpx

Tag Archives: legalità

Valenzano Pulita

Vogliamo una Valenzano PULITA.

VIVIBILE. Dove la spazzatura in paese e in campagna non è più un problema. Dove le persone rispettano le regole della civile convivenza. Dove l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti faccia correttamente il lavoro per cui è pagata con le tasse dei cittadini.

Riprenditi, Valenzano

Valenzano ha urgente bisogno di futuro.
Di programmi, contenuti, donne e uomini di buona volontà.

Valenzano ha bisogno di nuovo entusiasmo democratico per riscattarsi dal suo recente passato.

Appalto rifiuti a Valenzano: l’interdittiva antimafia e le polemiche politiche

La vicenda dell’interdittiva antimafia emessa dalla Prefettura a carico della Ercav desta preoccupazione e corrobora le nostre convinzioni sulla necessità di una gestione delle gare d’appalto pubbliche che concili i principi di trasparenza ed efficienza, a maggior ragione quando si tratta di servizi che hanno una ricaduta decisiva sulla qualità della vita delle comunità, come quelli collegati al ciclo dei rifiuti.

Il PD non è un carrozzone sul quale salire a seconda della convenienza

Puntualmente, in concomitanza con particolari fasi politiche o amministrative, tornano a diffondersi voci su preparativi di ingressi “pesanti” nel circolo del Partito Democratico di Valenzano. Anche ora, a ridosso dell’avvio del congresso nazionale, circolano notizie sull’imminente passaggio nel Pd di spezzoni rilevanti di ceto politico valenzanese.

Dichiarazione dell’on. Dario Ginefra sulla nomina della commissione di accesso al Comune di Valenzano

Apprendo dell’iniziativa del Prefetto di Bari, che ha nominato la commissione di accesso al Comune di Valenzano: si tratta di un atto propedeutico alla valutazione sulla sussistenza delle condizioni per uno scioglimento dell’ente per infiltrazioni da parte della mafia.

Il Prefetto nomina la commissione di accesso al Comune di Valenzano

Il Prefetto ha nominato la commissione d’accesso al Comune di Valenzano, per l’esame e la valutazione dei presupposti di un eventuale scioglimento del Consiglio Comunale per infiltrazione mafiosa.

Riappropriarsi degli spazi, respingere l’assoggettamento alle mafie

La mafia esiste. Ma esistono anche le reti di esperienze individuali e collettive in grado di sbarrare la strada alla criminalità organizzata, impedendole di attecchire nel tessuto civile delle nostre comunità. È il messaggio che è stato rilanciato in occasione dell’iniziativa “Liberiamoci dal male”, organizzata a Valenzano da Libera, Arci e Agesci.

Per il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia

A Valenzano sono presenti numerose proprietà immobiliari confiscate alla mafia e alle organizzazioni criminali. È necessario un confronto sul loro possibile riutilizzo sociale, in modo tale da valorizzare questo elemento come fattore di pianificazione e di sviluppo.

Aggressione al Sindaco di Valenzano. Un gravissimo campanello d’allarme

L’aggressione subita dal Sindaco di Valenzano (al quale, al di là di ogni divergenza politica, va la nostra solidarietà) è un gravissimo campanello d’allarme, che richiama l’attenzione su un territorio che aveva già lasciato trasparire segnali inquietanti.
A quanto si apprende dagli organi di stampa, il responsabile del ferimento sarebbe una persona con precedenti penali alle spalle. Per di più, l’atto di violenza sarebbe scaturito da un motivo ben preciso: la richiesta di assegnazione di un alloggio. E non un alloggio qualsiasi, ma uno degli immobili confiscati alla mafia.

Il voto, le infiltrazioni criminali e la vigilanza della politica

L’inchiesta della magistratura sui condizionamenti che sembrerebbero aver pesato sulle Elezioni Regionali del 2015 delinea scenari inquietanti. Ci sarebbe stato un accordo tra il clan dei Di Cosola e un “collettore” di voti (che secondo gli organi di stampa sarebbe stato Armando Giove, oggi indagato e all’epoca coordinatore provinciale di Realtà Italia), per sponsorizzare la candidatura di Natale Mariella, presentatosi nella lista dei “Popolari”, all’interno della coalizione di centrosinistra.